Poker Online Consigliati

Oggigiorno, i casinò online hanno un’ampia scelta di giochi di video poker. Spetta a te scegliere quelli più adatti ai tuoi gusti. Non resta che augurarti buon divertimento!

Su IoNelPoker.com scoprirai quali sono le migliori piattaforme per giocare a Poker online, dove trovare tanti tornei per potersi divertire non solo con il Texas Hold'em, ma anche con le varianti piu' giocate come Omaha, Omaha HI, 5 Card Stud, 7 Card Stud.

Per gestire una buona mano di Texas Holdem poker è necessario prestare molta attenzione alle carte che abbiamo inizialmente in mano, le cosiddette pocket cards. Queste infatti avranno un’altissima influenza sulle probabilità di avere una buona combinazione finale.

Essendo 52  il numero di  carte totali avremo infatti 1326 diverse varianti di carte iniziali. Presta quindi molta attenzione a cosa hai in mano tenendo ben presente che non sei obbligato a partecipare alla mano e che un professionista sa quando è il momento di non entrare in gioco.

I giocatori alle prime armi infatti commettono generalmente il grave errore di partecipare a tutte le mani, o almeno quasi tutte.

Analizzando le tue carte iniziali potrai effettuare un rapido calcolo mentale sulle probabilità che hai di effettuare una combinazione appetibile, ovviamente questo non è facile, ma per diventare un giocatore vincente dovrai assolutamente imparare ad utilizzare a tuo favore gli odds (calcolo delle probabilità).

Prova ad utilizzare il calcolatore di odds.

Come abbiamo anche visto su questo sito le varianti del texas hold’em e in particolare del  poker sono molte e sarebbe buona cosa sceglierne innanzi tutto una su cui incentrare lo studio delle tecniche e approfondire le strategie. Esistono comunque alcune tecniche comuni a tutte le varianti del poker.

La principale regola da seguire quando si gioca è cercare di giocare meno mani possibili, sembrerà strano, ma i professionisti fanno proprio così. I motivi sono diversi, uno sicuramente è quello di attendere pazientemente carte buone, ma un’altra ragione è che esistono posizioni che possono favorire una buona mano.

Se ad esempio vi trovate in ultima posizione e cioè alla destra del mazziere avrete migliori possibilità di vincere la mano, in quanto essendo ultimi potrete valutare le mosse di tutti gli altri giocatori. L’ultima posizione è anche ottimale in caso si voglia bluffare o scoraggiare gli avversari effettuando una “puntata forte”, quando vediamo che gli altri non tendono a puntare molto.

IoNelPoker nasce soprattutto per chi si avvicina per la prima volta al mondo del Poker, i nostri consigli e le nostre informazioni potranno sembrare banali ai professionisti, ma di grande importanza per tutti i dilettanti e per chi si accinge a giocare per la prima volta al Texas Hold’em.

Abbiamo visto in un precedente articolo la Varianza e abbiamo accennato come la conoscenza della statistica e delle probabilità sia fondamentale per riuscire a vincere almeno alcune mani a Poker. Altro fattore da non sottovalutare è la psicologia, saper studiare gli avversari e riuscire a capire cosa possono avere in mano in base alle puntate che fanno. In base a questo appena detto la posizione che abbiamo in una mano diventa fondamentale.

Uno dei fattori che i neofiti tendono a non considerare è la loro posizione rispetto al Dealer. Il Dealer cambia ogni mano e viene indicato un un bottone che verrà posto vicino a questo. Quando capiterà la mano dove sarai alla destra del Dealer sarai in posizione favorevole in quanto sarai l’ultimo del tavolo, avrai modo quindi di studiare le mosse degli avversari, di vedere come si muoveranno e potrai agire di conseguenza sapendo di essere l’ultimo ad avere la parola.

In modo analogo ma contrario, quando sarai in posizione successiva ad Dealer sarai in massimo svantaggio in quanto tutti gli altri giocatori si muoveranno e prenderanno decisioni dopo la tua.

Quando molti anni fa studiavo ingegneria avevo un professore di matematica che era anche un appassionato giocatore di poker, saltuariamente durante le lezioni di statistica usava farci degli esempi applicati al poker e ci ripeteva sempre che senza avere le basi della statistica sarebbe stato difficile diventare degli ottimi giocatori. Il poker infatti a differenza di quello che credono in molti non è propriamente un gioco d’azzardo e anche se la fortuna gioca un ruolo importante non è l’elemento fondamentale per vincere.

Dalla matematica il poker ha importato il concetto di “Varianza”: comprenderne il significato matematico non è semplicissimo, ma possiamo dire, semplificando molto, che è una specie di misura di quanto si discostano i valori che abbiamo da quelli attesi.

Alcuni giocatori usano il termine “Varianza” per indicare una sequenza di eventi negativi abbastanza lunga, quindi una serie di eventi “più negativi” di quello che ci aspettavamo dalla probabilità. Essendo però la “Varianza” la “misura del discostamento” (mi perdonino i matematici) questa vale anche quando abbiamo una striscia positiva di eventi.

Comprendere questi concetti è di fondamentale importanza per non rimanerne vittime. Il consiglio rimane comunque quello del mio buon vecchio prof, giocare sempre in modo di aver la maggior probabilità di vittoria perchè la matematica non è un opinione…..o forse si?

Consigliato da IoNelPoker


Bonus Benvenuto

Poker multiplayer gratis


poker gratis